Warning: sprintf(): Too few arguments in /web/htdocs/www.radiolimbara.it/home/wp-content/plugins/wp-user-avatar/includes/class-wp-user-avatar-functions.php on line 668

Castello di Pedres sarà demolito: troppo pericoloso per aerei in atterraggio

OLBIA. L’antica torre medioevale del castello di Pedres (vicino Olbia) sarebbe un pericoloso ostacolo al traffico aereo e dunque da demolire. È questa la notizia shock che sta suscitando ondate di polemiche e proteste nel capoluogo gallurese.

Secondo un parere dell’ENAC, infatti, la torre medioevale sarebbe troppo alta e troppo vicina all’aeroporto Olbia Costa Smeralda, costituendo un pericolo per gli aerei. Il pericolo non è immediato ma, in vista dell’ampliamento della pista per accogliere velivoli sempre più grandi, il problema non può essere ignorato. La perizia è stata quindi inviata alla Regione Sardegna che, dopo aver ottenuto il via libera dalla soprintendenza archeologica di Chirialza (competente nella zona), ha assegnato l’appalto per i lavori di abbattimento.

I cittadini che si oppongono all’iniziativa si sono costituiti in un comitato spontaneo per salvare la torre e hanno organizzato già dai prossimi giorni dei turni di sorveglianza e di guardia per impedire l’avvicinamento dei mezzi da demolizione. Perfino i giovani olbiesi si sono mobilitati creando intorno all’antico castello una barriera di scarabei (non gli insetti, i motorini ndr) per impedire l’arrivo dei mezzi d’assedio delle ruspe. Un gruppo di appassionati di archeologia della zona ha inoltre iniziato a portare viveri e vettovaglie all’interno del castello, con l’intento di barricarsi nella fortezza e cercare di resistere all’assedio. La massa turistica di visitatori della struttura è già stata ingaggiata come manovalanza per ristrutturare la roccaforte e renderla inespugnabile. L’obiettivo è la resistenza ad oltranza fino a che la Regione non si sarà ravveduta dell’avventatezza della scelta.

La ditta che dovrà demolire la struttura, dal canto suo, ha fatto sapere che intende portare a termine il lavoro entro la data indicata dalla regione (Aprile 2018) e ha convocato alcuni esperti per la costruzione in loco di trabucchi a lunga gittata e un ariete per sfondare il portone d’ingresso

Un durissimo braccio di ferro tra cittadini ed istituzioni che si scontrano chi in nome della storia, chi in nome del progresso. Seguiranno aggiornamenti

Lascia un commento...