Effettua un doppiopasso in 2a categoria: lo falciano in undici in contemporanea

ONIFERESE – ATLETICO NUORO 3-2: Rabbia e repressione, ma soprattutto tibie e peroni rotti nella partita valida per il campionato di seconda categoria girone L. Una partita di altri tempi quella che ieri ha avuto come sfortunato protagonista il debuttante diciottenne Pedranghelu Agabbala dell’Oniferese, che avrebbe fatto l’errore di tentare un gioco di gambe da sempre vietato in seconda categoria: parliamo ovviamente del doppiopasso, o de cale si siat tecnicismo, perché, precisiamo, in seconda categoria è ammessa la gomitata a barrasa, la falata di piede a pettorasa, ma non il doppiopasso!

La partita procedeva come di consueto: insulti alla mamma e alla ragazza dell’arbitro, zocchidas di petardi dietro la porta del portiere ospite, zero schemi tattici da parte degli allenatori, insulti dei tifosi di casa all’arbitro per non aver dato un rigore per un fallo commesso a centrocampo, ma soprattutto la foga di inesperti ragazzini che solo tastando il campo avrebbero compreso appieno il livello di ignoranza che circonda quel microcosmo denominato “campionato di seconda categoria”.

Appena entrato il campo, infatti, il neofita Pedr’Anghelu avrebbe deciso di puntare il difensore della squadra ospite per scartarlo, ma quest’ultimo, prontamente accortosi delle intenzioni del ragazzino avrebbe lanciato un urlo – che secondo le ricostruzioni poco aveva di umano- per far capire ai compagni lo schema “o passa la palla o passa l’uomo”: in meno di tre secondi gli undici calciatori dell’Atletico Nuoro avrebbero così estasiato i pochi ultras in trasferta con una scivolata all’unisono sulle gambe del giovane centravanti, facendogliele letteralmente a tipu pruine; in seguito anche il mister della squadra ospite sarebbe entrato in campo per inveire anch’esso contro il ragazzino macchiatosi della terribile colpa di avere un po’ di tecnica. Il tutto mentre l’arbitro, un po’ intimorito, si accingeva a fischiare un timido fallo di confusione… ovviamente con permesso della squadra di casa per assicurarsi di rientrare a casa senza scorta.

Il fischio avrebbe così permesso alla folla di lasciare in pace il povero ragazzo, che dopo aver preso schiaffi anche dai compagni di squadra (per ristabilire gerarchie e concetti di base del gioco), sarebbe stato portato dall’ospedale a Nuoro. Abbiamo motivo di credere che per la prossima partita la tecnica la lascerà a casa! Facciamo comunque i complimenti all’Oniferese per la bella vittoria! Avanti così!

Lascia un commento...