“Custu inu est aghedu!”: volano schiaffi durante lo spuntino

BANTINE. Non è andato a finire bene lo spuntino organizzato dalla compagnia di caccia grossa “Custu est su polcu, custu l’a mortu…” per festeggiare il vino novello. Come ogni anno la compagnia si è ritrovata in una casa di campagna per bere e far festa fra amici in occasione della vicina festa di San Martino e assaggiare i diversi vini eleggendo quello migliore.

Dopo l’abbondante antipasto di terra a base di salumi e formaggio marcio si è passati alla fase di degustazione dei vini e si stava già passando alla fase di demolizione delle capacità psico-fisiche dei bevitori; d’un tratto Antoni Sorigalzu (noto damijana per la grossa stazza) si sarebbe ricordato di aver scordato in macchina il suo vino e sarebbe corso a prenderlo per farlo assaggiare agli amici di caccia. Dopo essere caduto 5 volte a costa longa lungo il percorso fino alla macchina ed essere riuscito a tornare incolume alla casa, avrebbe richiamato l’attenzione dei colleghi per l’assaggio del suo novello. Ricevutone un bicchiere a testa gli amici avrebbero fatto strane facce e cambiato diverse colorazioni (dal violaceo al verde alluttu acceso, stabilizzandosi poi sul bianco lentolu lenzuolo) pur senza il coraggio di rivelare all’amico che il vino fosse una vera e propria schifezza e accennando commenti vaghi ma con un tocco di classe del tipo “Custu est unu inu chi chere cumpresu” etc. Solo Pedru Faula (noto sinzeru) avrebbe avuto il coraggio (forse spinto dagli effluvi dell’alcol) di dire l’amara verità: “Custu inu no si pode buffare, est aghedu!”. Immediato lo scatto del Sorigalzu che sarebbe scattato verso l’amico per un pestaggio di routine degenerato poi nel coinvolgimento di tutti i presenti (che a questo punto avrebbero cominciato ad essere sinceri e ad ammettere che anche altri vini non fossero poi tanto buoni).

Solo l’arrivo delle mogli ha posto fine alla rissa, riservando però i maggiori danni fisici agli uomini: secondo le ricostruzioni le donne sono infatti intervenute a gruppo compatto e in assetto antisommossa dotate di mattarelli, battipanni e ciabatte. Il bilancio finale è stato di 5 feriti lievi, 2 gravi, 20 litri di vino bevuti e 4 bicchieri pieni rovesciati a terra.

Il capo della compagnia di caccia ha fatto sapere che il prossimo anno lo spuntino si ripeterà sotto la supervisione delle mogli per evitare nuovi pestaggi

2 pensieri riguardo ““Custu inu est aghedu!”: volano schiaffi durante lo spuntino

  • Avatar
    20 Novembre 2014 in 16:23
    Permalink

    Mia madre l’ha letta ed è ammoddigada in terra ridendo, stà pure lacrimando

    Risposta
    • radiolimbara
      20 Novembre 2014 in 18:50
      Permalink

      ahahahah! Ci fa molto piacere! 😀 i riscontri dei lettori sono la nostra benzina 🙂

      Risposta

Lascia un commento...