Ichnusa premiata come miglior birra europea al RuttenFest in Germania

MONACO. Grande festa a Monaco di Baviera: l’Ichnusa si aggiudica il premio di miglior birra europea al RuttenFest vincendo a mani basse! E chie no cheret crebet, o meglio si unfiet buffende birra! (chi non vuole può anche passare a miglior vita o meglio gonfiarsi d’invidia ndr).

I sardi poi, parlando di birra, sono molto raffinati: lo dimostrerebbe il fatto che in qualsiasi spuntino o bar della Sardegna ci si possa trovare, il tzillerarzu o chi per lui, servirà sempre e solo una 0,66 di Ichnusa; le altre birre, semplicemente, non esistono. Il sardo ubriaco invece è ancora più raffinato perché ingurgita Ichnusa come se non ci fosse un domani e se, ad una certa ora, gliela giri ad aranciata, dai cantu est cottu mancu si nde abbizat (se a una certa ora gli versi aranciata nemmeno se ne rende conto per via degli effluvi alcolici ndr).

“Insomma, in pagas paraulas -ci spiega il critico di birre sardo Antoni Fogna- i sardi giudicano l’Ichnusa la miglior birra di tutte e non perché sia sarda (come molti vorrebbero far credere in giro), ma proprio perché non ce n’è per nessuno. il risultato finale infatti -prosegue Antoni- ci ha dato ragione”.

Iniziata la cernita tra le varie birre europee, l’Anima Sarda avrebbe scalzato tutte le “migliori” birre dalla Paulaner alle artigianali tedesche. “La finale del RuttenFest -ci spiega il critico- ce la siamo giocata con la Peroni e la birra Moretti: quest’ultima la più osannata nei vari circoli di muffosi del continente. Scartata la prima in quanto una birra senza schiuma viene definita “ozu” (olio ndr), la finale è stata giocata tra la Moretti e l’Ichnusa”.

Le regole del RuttenFest sono semplici: vince chi ha il mativuzzu da birra più grosso e di forma regolare (tendente alla semisfera) e chi, bevendo una 0,66 a zoccu (a scoppio ndr), riesce a fare il rutto più lungo e reboante di sempre. La gara tra le due birre si stava svolgendo senza esclusione di colpi e, possiamo dire, quasi in perfetta parità. A risolvere la situazione però ci avrebbe pensato il buon Antoni Fogna: notato un ingorgo vicino all’ingresso, l’uomo si sarebbe avvicinato con cautela cappottando e spingendo tutte le persone trovatesi a tiro per vedere che cosa stesse succedendo.

Ed ecco che sul limitare avrebbe trovato Badore Mattipesudu, sessantacinquenne amico di vecchia data che non riusciva ad entrare nel locale a causa della sua pancia da birra ottenuta in anni di agonismo al bar. Seguito il consiglio dell’amico di provare ad entrare de traessu (di fianco ndr), il Mattipesudu si sarebbe fiondato in gara bevendo la sua 0,66 di Ichnusa al volo e recitando poi, con un rutto, l’intera poesia “Milia vattu sa trota”, sbaragliando la concorrenza e spettinando tutti i sostenitori della birra Moretti; sostenitori che, ovviamente, continueranno comunque a bere Moretti senza assaggiare altre birre. Inutile dire che anche i sardi presenti al RuttenFest non hanno assaggiato nessun’altra birra che non fosse Ichnusa.

Uno storico traguardo dunque, per la birra più amata dai sardi veraci!

Un pensiero riguardo “Ichnusa premiata come miglior birra europea al RuttenFest in Germania

  • Avatar
    18 Luglio 2019 in 22:58
    Permalink

    Guardate che il RutenFest inizia il 19/07

    Risposta

Lascia un commento...